Borsa: il crollo del 1929

borsa: crisi-29

Borsa crollata all’inizio del mese di ottobre del 1929, dopo il boom degli anni ruggenti (’20).

Il crollo della borsa iniziò in questo modo: l’America aveva sperimentato un periodo di grande pace e prosperità nel corso del 1920. Dopo la prima guerra mondiale, il cosiddetto boom economico e culturale (anni venti ruggenti) era alimentato dalla industrializzazione e dalla divulgazione di nuove tecnologie come la radio e l’automobile.

In quegli anni vi fu una corsa alle azioni da parte degli americani, confortati dal fatto che le scorte erano state pensate per essere estremamente sicure, grazie anche al forte boom economico del paese. Gli investitori iniziarono ad acquistare anche titoli a margine (prestito di azioni con lo scopo di ottenere una leva finanziaria). Per ogni dollaro investito, si prendevano in prestito nove dollari di magazzino. L’uso della leva finanziaria fece sì che se un titolo salito dell’1%, portasse all’investitore  il 10%. Purtroppo, la leva funziona funziona anche al contrario. Se uno stock scende troppo, si può perdere tutto l’investimento e, addirittura, perdere pure i soldi per il broker.

Dal 1921 al 1929, il Dow Jones salì vertiginosamente, creando molti nuovi milionari. Molto presto, lo stock trading diventò il passatempo preferito d’America. Gli investitori ipotecarono le loro case e scioccamente investirono i loro risparmi di una vita in azioni calde come Ford e RCA. Per l’investitore di borsa medio, le scorte erano praticamente una cosa sicura. Poche persone avevano effettivamente studiato le finanze e la forza reale alla base delle aziende in cui avevano investito. Migliaia di aziende fraudolente erano state costituite per ingannare gli ingenui investitori. La maggior parte degli investitori non credeva che fosse possibile una crisi. Nelle loro menti, avevano maturato la convinzione che il mercato azionario “sarebbe sempre salito.”

Come avvenne il crollo della borsa del 1929

Nel 1929, la Federal Reserve aveva alzato i tassi di interesse più volte, nel tentativo di raffreddare l’economia e il mercato azionario surriscaldato. Ad ottobre, iniziò la discesa inesorabile della borsa. Il 24 ottobre 1929, si verificò una grande quantità di vendita,dovuta al panico degli investitori che cominciavano a rendersi conto che il boom era in realtà una bolla speculativa. Il 28 e 29 ottobre il mercato si schiantò, e gli investitori milionari fallirono quasi istantaneamente. Nel mese di novembre del 1929, in soli tre giorni di borsa, si bruciarono più di 5 miliardi di dollari di capitalizzazione.

A peggiorare le cose, molte banche avevano investito i loro depositi nel mercato azionario, con conseguente perdita dei risparmi dei loro depositanti. I patron delle banche cercarono di ritirare i propri risparmi, tutti allo stesso tempo. Le principali banche e le società di intermediazione divennero insolventi. Il sistema finanziario era nel caos. Molti speculatori dichiararono bancarotta, alcuni si suicidarono gettandosi dagli edifici. Anche i clienti della banca che non avevano investito in azioni persero denaro.

Il crollo della borsa fu, tuttavia, un benefico per alcuni speculatori

Jesse Livermore aveva correttamente previsto il crollo e trasse profitto dal declino, guadagnando oltre 100 milioni di dollari. Joseph Kennedy, padre del presidente John F. Kennedy, vendette i suoi titoli in borsa prima del  crollo, ottenendo svariati milioni di dollari di profitto.

La grande depressione dopo il crollo della borsa

Il crollo del mercato azionario del 1929 portò ad una grave crisi economica conosciuta come la Grande Depressione. La depressione durò dall’ottobre 1929 fino alla fine del 1930. La povertà di massa divenne comune e molti lavoratori persero il lavoro, costretti a vivere in baraccopoli. Un terzo degli americani viveva al di sotto della soglia di povertà durante la Grande Depressione.

tuttoin1

About tuttoin1

Tuttoin1 è la risposta a tutto cio che cerchi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *