Gandhi e la resistenza passiva

mahatma gandhi

Venerato in tutto il mondo per la sua filosofia non violenta di resistenza passiva, Mohandas Karamchand Gandhi era noto per i suoi molti seguaci come Mahatma.

Iniziò la sua militanza come un immigrato indiano in Sud Africa agli inizi del 1900, e negli anni successivi alla prima guerra mondiale divenne il protagonista della lotta dell’India per ottenere l’indipendenza dalla Gran Bretagna. Conosciuto per il suo ascetico stile di vita (spesso vestiva con solo un panno sulle parti intime e uno scialle) e la sua devozione alla fede indù, Gandhi fu imprigionato più volte durante la sua attività di non-cooperazione, e intraprese una serie di scioperi della fame per protestare contro l’oppressione delle classi più povere dell’India, tra le altre ingiustizie. Dopo la partizione del 1947, continuò a lavorare per la pace tra indù e musulmani. Gandhi fu colpito a morte a Delhi, nel gennaio del 1948, da un fondamentalista indù.

Mohandas Karamchand Gandhi nacque il 2 ottobre 1869, a Porbandar, nell’attuale stato indiano del Gujarat. Suo padre era il dewan (primo ministro) di Porbandar; sua madre profondamente religiosa era un praticante di Vaishnavism (culto del dio indù Vishnu), influenzato da giainismo, una religione ascetica governato da principi di autodisciplina e la nonviolenza. All’età di 19 anni, Mohandas andò a studiare legge a Londra alla Inner Temple, uno dei quattro collegi di legge della città. Al ritorno in India a metà del 1891, fondò uno studio legale a Bombay, che non ebbe tanto successo. Ben presto accettò un posto di lavoro da una ditta indiana in Sud Africa. Insieme a sua moglie, Kasturbai, ei loro figli, Gandhi rimase in Sud Africa per quasi 20 anni.

Gandhi fu atterrito dalla discriminazione subita, come immigrato indiano in Sudafrica. Quando un magistrato europeo a Durban gli chiese di togliersi il turbante, si rifiutò e lasciò l’aula. Durante un viaggio in treno verso Pretoria, fu buttato fuori da uno scompartimento ferroviario di prima classe e picchiato dopo aver rifiutato di rinunciare al suo posto per un passeggero europeo. Quel viaggio in treno servì come punto di svolta per Gandhi, il quale, ben presto, iniziò a sviluppare e insegnare il concetto di satyagraha (“verità e fermezza”), o resistenza passiva, come atto di non cooperazione con le autorità.

Nel 1906, dopo che il governo del Transvaal approvò un’ordinanza in merito alla registrazione della popolazione indiana, Gandhi condusse una campagna di disobbedienza civile che durò per i successivi otto anni. Durante la sua fase finale nel 1913, centinaia di indiani che vivevano in Sud Africa, comprese le donne, furono portati in galera, e migliaia minatori indiani scioperanti furono imprigionati, frustati e anche uccisi. Infine, sotto la pressione del governo britannico e indiano, il Sud Africa accettò un compromesso che includeva concessioni importanti, come il riconoscimento dei matrimoni indiani e l’abolizione della tassa di scrutinio esistente per gli indiani.

Nel luglio del 1914, Gandhi lasciò il Sud Africa per tornare in India. Sostenne lo sforzo bellico britannico della prima guerra mondiale, ma rimase critico con le autorità coloniali per le misure che sentiva ingiuste. Nel 1919, Gandhi lanciò una campagna di resistenza passiva in risposta al passaggio in Parlamento degli Atti Rowlatt, che dava poteri straordinari e di emergenza alle autorità coloniali per sopprimere le attività sovversive. Fece marcia indietro dopo le successive violenze scoppiata, ma solo temporaneamente, perché dal 1920 divenne indiscutibilmente la figura più importante del movimento per

Tra i punti della sua campagna di non cooperazione non violenta, Gandhi amava sottolineare l’importanza di indipendenza economica per l’India. In particolare, egli sosteneva la produzione di Khaddar, o un panno homespun, al fine di sostituire i prodotti tessili importati dalla Gran Bretagna. L’eloquenza e lo stile di vita ascetica di Gandhi, il digiuno e la meditazione, gli valsero il rispetto dei suoi seguaci, che lo chiamavano il Mahatma (in sanscrito “grande anima”). Investito con tutta l’autorità del Congresso Nazionale Indiano (INC o Congresso del Partito), Gandhi trasformò il movimento per l’indipendenza in una organizzazione di massa, che portò al boicottaggio dei produttori britannici e delle istituzioni che rappresentavano l’influenza britannica in India.

A seguito delle violenze legate a tali eventi di cambiamento, Gandhi annunciò la fine del movimento di resistenza, per la costernazione dei suoi seguaci. Le autorità britanniche arrestarono Gandhi nel marzo 1922; fu condannato a sei anni di carcere, ma fu rilasciato nel 1924 dopo aver subito un’operazione di appendicite. Evitò di partecipare attivamente alla politica negli anni successivi, ma nel 1930 lanciò una nuova campagna di disobbedienza civile contro la tassa del governo coloniale sul sale, che aveva notevolmente influenzato i cittadini più poveri indiani.

Nel 1931, dopo che le autorità britanniche fecero alcune concessioni, Gandhi si chiamò di nuovo fuori il movimento di resistenza e decise di rappresentare il Partito del Congresso nei rapporti con i britannici. Arrestato dopo il suo ritorno da un governo coloniale recentemente aggressivo, Gandhi iniziò una serie di scioperi della fame per protestare contro il trattamento delle classi più povere dell’India. Il digiuno causò un putiferio tra i suoi seguaci e produsse riforme rapide da parte della comunità indù e del governo.

Nel 1934, Gandhi annunciò il suo ritiro dalla politica, così come le sue dimissioni dal Partito del Congresso, al fine di concentrare i suoi sforzi per le comunità rurali. Tirato nuovamnte nella mischia politica dallo scoppio della seconda guerra mondiale, Gandhi chiese un ritiro britannico dall’India in cambio della cooperazione indiana nel conflitto bellico. Invece, le forze britanniche imprigionarono l’intera leadership del Congresso, congelando nuovamente le relazioni.

Dopo che il Partito laburista ebbe preso il potere in Gran Bretagna nel 1947, venne concessa all’India la sua indipendenza, ma dividendo il paese in due domini: India e Pakistan. Gandhi era fortemente contrario alla separazione, ma l’accettò nella speranza che, dopo l’indipendenza, indù e musulmani avrebbero potuto raggiungere la pace interna. Durante i disordini di massa che seguirono, Gandhi invitò indù e musulmani a vivere pacificamente insieme, e intraprese uno sciopero della fame fino a quando le rivolte di Calcutta cessarono.

Nel mese di gennaio del 1948, Gandhi iniziò un altro sciopero della fame, questa volta per portare la pace nella città di Delhi. Il 30 gennaio, 12 giorni dopo la fine dello sciopero, mentre era ad un incontro di preghiera la sera a Delhi, fu colpito a morte da Nathuram Godse, un fanatico indù infuriato per gli sforzi del Mahatma nella negoziazione con Jinnah e altri musulmani. Il giorno dopo, circa 1 milione di persone seguirono il corteo funebre di Gandhi, il cui corpo fu cremato sulle rive del fiume Jumna santa.

tuttoin1

About tuttoin1

Tuttoin1 è la risposta a tutto cio che cerchi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *