La teoria delle stringhe per una teoria del tutto

stringhe

Teoria delle stringhe

La teoria delle stringhe si può rappresentare attraverso l’esempio di una corda di chitarra che viene applicata allungando la corda in tensione attraverso il manico della chitarra.

A seconda di come la corda viene pizzicata e a seconda della tensione, saranno eseguite diverse note musicali.

Queste note musicali si potrebbero definire come le modalità di vibrazione della corda di chitarra sotto tensione.

Allo stesso modo, nella teoria delle stringhe, le particelle elementari osservate negli acceleratori di particelle possono essere pensate come “note musicali” o modi di vibrazione di stringhe elementari.

In questa teoria, come nel suonare la chitarra, la stringa (o corda) deve essere messa in tensione per vibrare.

Tuttavia, le stringhe relative a questa teoria fisica sono galleggianti nello spazio-tempo, non sono legate a nulla, come accade al contrario per la chitarra.

Tuttavia, esse sono in tensione. La tensione è data dalla quantità 1 / (2 p a ‘), in cui a ‘ equivale ad “Alpha Prime” ed è uguale al quadrato della scala di lunghezza della stringa.

Se la teoria delle stringhe riguarda la gravità quantistica, la dimensione media di una stringa dovrebbe essere approssimativamente vicina alla scala di lunghezza della gravità quantistica, chiamata la lunghezza di Planck , che è di circa 10 -33 centimetri, o circa un milionesimo di miliardesimo di un miliardesimo di miliardesimo di centimetro.

Sfortunatamente, questo significa che una stringa è troppo piccola per essere vista con la tecnologia fisica delle particelle attuale, e così i teorici delle stringhe dovranno escogitare metodi più intelligenti per testarne la teoria.

Le Teorie delle stringhe sono classificate a seconda se queste tendono ad essere anelli aperti o chiusi, e se lo spettro delle particelle comprenda o no fermioni.

Al fine di includere fermioni nella teoria delle stringhe, ci deve essere un tipo speciale di simmetria chiamata supersimmetria , il che significa che per ogni bosone (particella che trasmette una forza) c’è un corrispondente fermione (particella che costituisce la materia).

Così la supersimmetria comprende sia le particelle che trasmettono le forze, sia le particelle che compongono la materia.

Visto che le particelle supersimmetriche non si possono ancora osservare, la supersimmetria (se davvero esiste) sarà senza dubbio una simmetria rotta o frantumata.

Gli acceleratori di particelle potrebbero essere sul punto di trovare le prove per la supersimmetria ad alta energia nel prossimo decennio.

Questa sarebbe la prova convincente che la teoria delle stringhe è modello matematico e scientifico valido.

tuttoin1

About tuttoin1

Tuttoin1 è la risposta a tutto cio che cerchi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *