Moltiplicatore keynesiano: l’intuizione geniale

moltiplicatore keynesiano

Moltiplicatore keynesiano

L’intuizione del moltiplicatore keynesiano (ovvero dell’economista Keynes) deriva dal fatto che la propensione marginale al consumo (MPC) è positiva.

MPC è il denaro che le persone spendono quando ottengono un extra di reddito. 

Quando MPC = 0,8, ad esempio, quando la gente ottiene un extra di reddito, ne spendono 80 centesimi. 

Quindi il moltiplicatore keynesiano funziona come segue, assumendo per semplicità MPC = 0,8. 

Poi, quando il governo aumenta la spesa di 1 euro su un bene prodotto dall’agente A, questo euro diventa il reddito di A.

Come MPC = 0,8, A spenderà 80 centesimi di questo reddito extra su qualcosa che si vuole consumare.

Supponiamo che A spenda gli 80 centesimi su un bene prodotto da B, quindi B avrebbe un reddito extra di 80 centesimi. 

B spenderebbe quindi 0,8 di questi 80 centesimi, cioè 64 centesimi, su qualcos’altro. 

Questo 64 centesimi diventa il reddito di qualcun altro, e questo qualcuno ne spenderà 0,8. 

Il processo si ripete. 

Il PIL aggiunto all’economia è la somma di tutte le spese, 1 + 0,8 + 0,64 + 0,512 + … che ha un effetto maggiore rispetto ad 1 euro che il governo ha inizialmente speso.

In altre parole, la spesa pubblica è “moltiplicata”.

 

tuttoin1

About tuttoin1

Tuttoin1 è la risposta a tutto cio che cerchi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *