Anne Frank, il nascondiglio e il suo diario segreto

anne frank
Condividi

Anne Frank

Anne Frank è probabilmente l’autrice della documentazione più interessante sugli eventi della seconda guerra mondiale.

Riesce a raffigurare un’immagine della vita nascosta durante il periodo in cui furono inflitte crudeltà e atrocità indicibili alle vittime ebree dell’Olocausto. 

Ci riesce grazie al suo diario, amico e sostegno morale nei momenti difficili, confidente e regalo prezioso.

Il diario di Anne offre una visione meravigliosamente affascinante degli eventi della guerra mondiale dal punto di vista di un’adolescente ebrea. 

Anne Frank è nata il 12 giugno 1929 a Francoforte, in Germania, da Otto Frank e Edith Frank-Holländer. 

Aveva anche una sorella maggiore: Margot Frank.

Al suo 13° compleanno, il 12 giugno 1942, Anne Frank ricevette quello che sarebbe diventato il mezzo attraverso il quale avrebbe trovato una fonte di conforto e compagnia un mese dopo, quando sarebbe stata costretta a nascondersi.

In origine, era previsto che i Frank si sarebbero nascosti il ​​16 luglio 1942, tuttavia Margot fu informata che avrebbe dovuto nascondersi immediatamente per evitare di essere mandati in un campo di concentramento.

Quasi immediatamente dopo aver ricevuto il diario, Anne iniziò a scrivere regolarmente. 

Prima di essere costretta a nascondersi, Anne aveva scritto principalmente di eventi ordinari come i suoi amici, i giochi e persino i suoi voti. 

Tuttavia, fu dopo essersi nascosta che iniziò davvero a confidarsi con “Kitty”. 

Sette giorni dopo, la sua famiglia fu raggiunta dai van Pels, una famiglia composta da Auguste van Pels, Hermann van Pels e il loro figlio Peter van Pels.

L’ultima condivisione per la famiglia fu il dentista Friedrich “Fritz” Pfeffer il 16 novembre 1942.

Continuò a scrivere sul suo diario fino al 1° agosto 1944.

Anne si affrettò a sviluppare un’opinione su ogni membro dell’alloggio segreto.

Sviluppò una antipatia verso Pfeffer, trovandolo troppo invasivo e intollerabile.

Allo stesso modo, definiva Auguste van Pels un po’ troppo conservatore e antiquato per i suoi gusti, poiché Anne si considerava di mentalità aperta.

Prese, invece subito in simpatia Peter van Pels, con cui condivise una breve relazione. 

Inoltre, era particolarmente affezionata a suo padre e spesso dichiarava la sua preferenza per lui rispetto alla madre.

Le piaceva anche esaminare la sua relazione con i membri dell’alloggio segreto. 

Osservava i cambiamenti che viveva con la pubertà e si lamentava dell’ambiente chiuso e soffocante a cui era limitata. 

Ha scritto dei suoi scrupoli, delle sue convinzioni, dei suoi sogni e di come voleva diventare una giornalista. 

Esprimeva dolore per il rapporto teso con sua madre, anche per essere stata interpretata male da coloro che la circondavano e cercava costantemente di correggere i suoi difetti.

Con il passare del tempo, lo stile di scrittura di Anne divenne maturo insieme agli argomenti che approfondiva.

Anne continuava a rendersi conto di una netta differenza tra lei e tutti gli altri che conosceva nell’alloggio segreto, con sua grande angoscia.

Il 3 settembre 1944, furono scoperti e spediti da Westerbork per Auschwitz, dove tutti furono separati.

Anne e Margot furono trasportate a Bergen-Belsen alla fine di ottobre 1944.

Alla fine di febbraio Anne morì di tifo. 

Bergen-Belsen fu liberata il 12 aprile 1945, circa un mese dopo la sua morte.

tuttoin1

About tuttoin1

Tuttoin1 è la risposta a tutto cio che cerchi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *