Antonomasia, cosa significa e esempi di utilizzo

antonomasia
Condividi

Definizione di antonomasia

Antonomasia è una figura retorica che deriva dal greco (antonomázein, “cambiare nome”).

Infatti è un nome composto da anti (invece, al posto di) e onoma (nome), quindi “al posto del nome” originale.

Con questo termine si indicano cose o persone utilizzando un nome proprio celebre.

Altresì, si può attribuire a cose o persone una caratteristica chiaramente in essere a personaggi noti.

Esempi di utlizzo

  1. Il mio amico Marco è davvero un Casanova, tutte le donne cadono ai suoi piedi.
  2. Quella ragazza è proprio una sirenetta, si muove nell’acqua in un modo incantevole.
  3. Guarda quanto è alto quel giovanotto, è proprio un Marcantonio.
  4. Mio nonno è stato per tutti un mecenate, ma pochi lo ricordano come tale.
  5. Dopo questo mese di dieta e le mie camminate serali sono diventato proprio un Adone.
  6. Meno male che è arrivato il nostro Ercole! Se non era per te, Luigi, non avremmo mai sollevato questo mobile.
  7. Ho visto un vecchio film del Principe della risata, ogni volta è come se lo vedessi per la prima volta.
  8. In questa tornata di elezioni il Cavaliere non riuscirà a vincere, ne sono certo.
  9. Non guardo più il calcio da quando ha smesso di giocare il Cigno di Utrecht.
  10. Il presidente sarà il nostro Cesare.
tuttoin1

About tuttoin1

Tuttoin1 è la risposta a tutto cio che cerchi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *