Autismo, quali sono i segnali e come coglierli

autismo
Condividi

Autismo – segnali

L’autismo (ASD) è un disturbo dello sviluppo neurologico caratterizzato da:

  • menomazioni sociali
  • disturbi cognitivi
  • difficoltà di comunicazione
  • comportamenti ripetitivi

Poiché l’autismo è un disturbo dello spettro, può variare da molto lieve a molto grave e si verifica in tutti i gruppi etnici, socioeconomici e di età. 

I maschi hanno quattro volte più probabilità di avere l’autismo rispetto alle femmine. 

Alcuni bambini con autismo appaiono normali prima dell’età di 1 o 2 anni e poi improvvisamente “regrediscono” e perdono le abilità linguistiche o sociali che avevano acquisito in precedenza. 

Questo è chiamato il tipo regressivo di autismo.

Segni precoci

Una persona autistica potrebbe:

  • Non rispondere quando viene chiamato col suo nome (il bambino può sembrare sordo)
  • Non indicare oggetti o cose di interesse, né dimostrare interesse
  • Non giocare a giochi di “finzione”
  • Evitare il contatto con gli occhi
  • Attitudine a stare da solo
  • Avere difficoltà a comprendere, o mostrare comprensione, o i sentimenti degli altri o i propri
  • Non parlare o parlare in ritardo
  • Ripeti parole o frasi più e più volte (ecolalia)
  • Fornire risposte non correlate alle domande
  • Arrabbiarsi per frivolezze
  • Avere interessi ossessivi
  • Agitare le mani, dondolare il corpo o girare in cerchio
  • Avere reazioni insolite (ipersensibilità) rispetto ai suoni, agli odori, ai sapori, ecc.
  • Avere abilità sociali scarse o nulle
  • Evitare o resistere al contatto fisico
  • Dimostrare poca sicurezza o consapevolezza del pericolo
  • Usare pronomi inversi (ad esempio, dire “tu” invece di “io”)

Chi è affetto da autismo potrebbe anche:

  • Avere interessi e comportamenti insoliti
  • Avere ansia estrema e fobie
  • Essere ossessionati dall’ordine (allineare giocattoli o altri oggetti)
  • Giocare con i giocattoli allo stesso modo ogni volta
  • Usare solo parti di oggetti
  • Turbarsi per piccoli cambiamenti
  • Avere interessi ossessivi

Altri sintomi:

  • Iperattività (molto attiva)
  • Impulsività (agire senza pensare)
  • Soglia di attenzione breve
  • Aggressione
  • Crolli psicologici
  • Abitudini alimentari e di sonno insolite
  • Stato d’animo insolito o reazioni emotive
  • Mancanza di paura o più paura del previsto

Lo screening dello sviluppo

Questo è un breve test per capire se i bambini stanno imparando le abilità di base quando dovrebbero o se potrebbero avere dei ritardi. 

Durante lo screening dello sviluppo il medico potrebbe porre al genitore alcune domande o parlare e giocare con il bambino durante un esame per vedere come impara, parla, si comporta e si muove. 

Un ritardo in una qualsiasi di queste aree potrebbe essere un segno di un problema.

Tutti i bambini dovrebbero essere sottoposti a screening per ritardi nello sviluppo e disabilità durante le regolari visite mediche dei bambini sani a:

  • 9 mesi
  • 18 mesi
  • 24 o 30 mesi

Potrebbe, quindi, essere necessario uno screening aggiuntivo se un bambino è ad alto rischio di ritardi nello sviluppo a causa di parto prematuro, basso peso alla nascita, avere un fratello con ASD o la presenza di comportamenti associati all’autismo.

Se il medico di tuo figlio non controlla regolarmente tuo figlio con questo tipo di test di screening dello sviluppo, chiedi che sia fatto. 

Se il medico vede segni di un problema, è necessaria una valutazione diagnostica completa.

Valutazione diagnostica completa

La seconda fase della diagnosi è una valutazione completa. 

Questa revisione approfondita può includere l’osservazione del comportamento e dello sviluppo del bambino e l’intervista ai genitori. 

A volte diventa necessario anche uno screening dell’udito e della vista, test genetici, test neurologici e altri test medici.

In alcuni casi, il medico di base potrebbe scegliere di indirizzare il bambino e la famiglia presso uno specialista per ulteriori valutazioni e diagnosi.

Gli specialisti che possono eseguire questo tipo di valutazione sono:

  • Pediatri dello sviluppo (medici che hanno una formazione specifica sullo sviluppo del bambino e bambini con bisogni speciali)
  • Neurologi infantili (medici che lavorano su cervello, colonna vertebrale e nervi)
  • Psicologi o psichiatri infantili (medici che conoscono la mente umana)

Per qualsiasi informazione consulta:

ANGSA – ASSOCIAZIONE NAZIONALE GENITORI SOGGETTI AUTISTICI

tuttoin1

About tuttoin1

Tuttoin1 è la risposta a tutto cio che cerchi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *