Aztechi, importanza del culto per questo popolo straordinario

aztechi
Condividi

Aztechi

Chi erano gli Aztechi? Cosa ha fatto questo straordinario popolo? 

“Azteca” si riferisce a un gruppo di culture mesoamericane del Messico centrale che provenivano tutte dalla loro mitica patria di Aztlan.

Nessun popolo in Messico, nel 1500, aveva questo nome.

Il termine è solitamente usato per descrivere la confederazione Messicana con sede a Tenochtitlan (odierna Città del Messico), comunemente nota come Impero azteco.

La confederazione comprendeva anche il popolo Acolhua nella città di Texcoco e il popolo Tepanec nella città di Tlacopan, quindi le tre città sono più propriamente conosciute come la Triplice Alleanza.

I Messicani derivano dai Nahua, uno dei più grandi gruppi etnici delle Americhe.

I Nahua, sia nel 1500 che oggi, parlano comunemente la lingua Nahuatl.

Il nome Quetzalcoatl deriva dai nomi Nahuatl per l’uccello Quetzal e “coatl” che si riferisce a un serpente.

In cosa credevano gli Aztechi?

Sebbene ci siano pochi testi sopravvissuti, i popoli storici della Mesoamerica avevano lingue scritte risalenti a secoli prima del contatto con l’Europa, il che ci fornisce un po’ più di contesto sulle loro credenze.

Il primo resoconto più completo, tuttavia, fu scritto poco dopo la conquista spagnola del Messico da un prete domenicano.

Alcune delle divinità più importanti dell’Impero azteco erano adorate in tutto il Messico e il Guatemala ed esistevano molto prima della costruzione di Tenochtitlan.

Un serpente piumato era adorato migliaia di anni prima a Teotihuacan.

Gli Olmechi adoravano Quetzalcoatl o un analogo.

I Maya adoravano un serpente piumato di nome Kukulkan (o Kukulcan), a cui è dedicato il tempio Maya di Chichen Itza.

La religione azteca era molto simile alla religione greca e romana in quanto crebbe e si adattò nel tempo.

Gli Aztechi incorporarono gli dei di altre culture dopo una prolungata interazione e il loro pantheon era piuttosto grande.

Onoravano questi dei con doni e rituali, e ogni dio era responsabile di una particolare sfera della vita azteca.

Uno degli dei principali aztechi era Huitzilopochtli, un dio della guerra e il patrono dei Messicani.

Gli dei più importanti erano gli dei del cielo associati al sole, alla luna e al pianeta Venere (Venere era conosciuta in tutto il mondo come la stella del mattino e la stella della sera).

Questi sono Tlaloc, il dio della pioggia e della fertilità, Tezcatlipoca, il dio del vento e del cielo notturno e Quetzalcoatl.

Quest’ultimo aveva un gemello canino malvagio, Xolotl, dio del fuoco e simbolo di morte.

Xolotl era una divinità che condusse le anime dei morti nell’aldilà a Mictlan.

Quetzalcoatl è stato anche identificato con il dio Ehecatl, un dio del vento.

La religione azteca era molto organizzata.

Esisteva un tempio centrale a Tenochtitlan, che era strettamente legato al governo dell’impero, e poi c’erano altri templi disposti gerarchicamente sotto il tempio centrale.

Nella pratica religiosa azteca, i sacerdoti (spesso chiamati quetzalcoatlus) trasmettevano i doni dei mortali agli dei e viceversa.

Ciò includeva rituali mensili e festival organizzati dal tempio. Alcune delle feste più importanti includevano il sacrificio umano.

Sacrificio umano

Molte culture mesoamericane praticavano sacrifici umani, inclusi Maya e Toltechi.

Nelle religioni della Mesoamerica, il sacrificio era molto importante.

Si credeva che gli dei sacrificassero la propria vita o il proprio sangue per creare il mondo e provvedere al proprio popolo, e ci si aspettava che i loro seguaci sacrificassero quei doni liberamente in segno di gratitudine.

Si ritiene che Quetzalcoatl abbia dato la vita agli esseri umani sacrificando il sangue.

Il sacrificio assumeva spesso la forma di salasso, in cui gli adoratori offrivano il loro sangue agli dei.

Potrebbe anche comportare il sacrificio di cibo o ricchezza. Nelle circostanze più importanti comportava il sacrificio di una vita umana.

Questi sacrifici furono scelti in anticipo dai sacerdoti nel tempio; potrebbero essere cittadini dell’impero o dei suoi vassalli, oppure potrebbero essere prigionieri di guerra.

Sembra che i sacrifici di bambini provenissero di solito da famiglie benestanti, offerte dalle famiglie.

I sacrifici degli adulti sembrano provenire da quelli di qualsiasi status che erano caduti in gravi debiti, a proposito del focus religioso azteco sulla gratitudine e sull’indebitamento.

L’entità e la crudeltà del sacrificio furono ampiamente esagerate dagli spagnoli, i cui conti gonfiano il numero dei sacrifici.

Si ritiene che circa 4000 persone furono sacrificate in quattro giorni per dedicare il tempio di Tenochtitlan. 

Conclusioni

L’arte e la letteratura popolare si sono attaccate alle immagini del sacrificio azteco come fonte di orrore o mistero diabolico.

Ciò ha consolidato un’immagine della cultura azteca come crudele e barbara.

In realtà, la loro cultura era molto solida in termini di arte, scienza e commercio.

Producevano un’architettura immensa e sofisticata, avevano sistemi complessi di matematica e astronomia e avevano altri mestieri sviluppati tra cui la medicina e la costruzione navale.

Anche i guerrieri nobilitati, che catturavano prigionieri per il sacrificio, erano noti per la loro pratica e l’esecuzione della poesia.

tuttoin1

About tuttoin1

Tuttoin1 è la risposta a tutto cio che cerchi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *