Botticelli e i suoi meravigliosi dipinti rinascimentali

botticelli
Condividi

Botticelli

Botticelli, uno dei giovani maestri del primo Rinascimento, è ricordato per aver introdotto l’età d’oro dell’arte in Italia. 

I critici d’arte affermano che nessun pittore è mai stato in grado di catturare la vera essenza di una donna come Botticelli ha fatto nei suoi dipinti. 

Il suo vero nome (tipicamente italiano) era Alessandro di Mariano di Vanni Fillipepi, ma preferiva di gran lunga essere conosciuto semplicemente come Sandro Botticelli.

Molti amanti dell’arte sono sgomenti dal fatto che, durante il tempo in cui era in vita e negli anni successivi alla sua morte, il lavoro di Botticelli fu messo in ombra a causa dello stile rinascimentale e dell’avvento di Michelangelo e Raffaello. 

Ci vollero molti anni prima che il lavoro di Botticelli prendesse slancio e finalmente fosse accettato e considerato come meritava. 

Botticelli nacque il 1 marzo 1445 in una famiglia di conciatori e orafi

Fu un incontro con Filippo Lippi che lo indirizzò verso l’arte della pittura. 

Botticelli imparava così velocemente che all’età di 24 anni aveva il suo laboratorio e dipingeva da maestro. 

Più tardi, durante la sua metà degli anni trenta, raggiunse ancora più fama e si fece un nome grazie ai suoi buoni rapporti di lavoro con l’influente famiglia dei Medici in Italia.

Fu attraverso questo rapporto che egli poté viaggiare a Roma e dipingere alcune parti della Cappella Sistina, un onore che fu concesso solo a pochi grandi.

C’è un’innata delicatezza e grazia in tutte le opere di Botticelli, che tratta ogni suo dipinto come se avesse un posto speciale nel suo cuore. 

Al centro della maggior parte dei suoi dipinti c’erano spesso figure di donne, la bellezza catturata dall’artista nelle sue celebri opere è a dir poco straordinaria.

I suoi capolavori più famosi, la Primavera e la Nascita di Venere, sono considerati unici nel loro genere e fino ad oggi vengono usati nei libri di testo, nelle opere teatrali, sui blog e quasi tutti i canali mediatici come la definizione più pura della bellezza femminile.

La base dei suoi dipinti era sempre l’olio.

Botticelli non si è mai sforzato di essere diverso dagli altri pittori che nello stesso tempo stavano lasciando il segno; ha semplicemente dipinto alla sua maniera.

C’era un senso di gentilezza poetica nel suo lavoro e attenzione ai dettagli.

Botticelli aveva sviluppato la sua combinazione di colori unica, conservandola per la maggior parte della sua vita.

Nei suoi quadri ogni oggetto aveva la sua illustrazione, la sua identità.

Botticelli si dilettava anche nella mitologia come soggetto centrale dei suoi dipinti, a parte la religione e la forma femminile. 

Ha mescolato la mitologia con il concetto di romanticismo, come possiamo vedere per esempio nella sua opera “Pallade e il centauro”. 

Ha usato i miti e il romanticismo come mezzo di narrazione per molte delle sue opere, mostrando entrambi in un sentimento piuttosto idilliaco. 

Il modo in cui Sandro Botticelli è stato in grado di trasmettere la bellezza della forma femminile attraverso i suoi dipinti è uno splendore assoluto che non ha rivali.

tuttoin1

About tuttoin1

Tuttoin1 è la risposta a tutto cio che cerchi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *