Cahokia, la prima città del continente americano

cahokia
Condividi

Cahokia

Fino ad oggi, gli archeologi non sanno con certezza perché Cahokia, l’enorme (per quei tempi) città nordamericana di 20.000 persone, sia svanita rapidamente lasciando poche tracce dietro.

Molto prima che Cristoforo Colombo scoprisse il Nord America, prima del 1100, i tumuli di Cahokia erano alti e formavano la prima città del continente nella storia.

Situata dall’altra parte del fiume Mississippi rispetto a quella che oggi è St. Louis, Cahokia era la più grande città precolombiana a nord del Messico.

La cittadinanza di Cahokia non aveva un sistema di scrittura standardizzato, quindi gli archeologi si affidano ancora in gran parte a dati periferici per interpretare gli artefatti che hanno scoperto, utili a svelare i misteri della città.

Il nome stesso “Cahokia” deriva dalla popolazione aborigena che abitava la sua zona nel 1600.

Mezzo millennio prima, tuttavia, la terra ospitava un’altra società che aveva sofisticate lavorazioni in rame, gioielli, copricapi, tavoli di pietra (con uomini uccelli incisi), un gioco popolare chiamato “Chunkey” e persino una bevanda contenente caffeina.

È molto probabile che il clima insolito e più caldo della Terra durante la popolarità di Cahokia sia stato l’effetto scatenante del suo incremento di popolazione.

C’erano piogge più frequenti nel Midwest durante questo periodo e le temperature del pianeta erano aumentate notevolmente con la crescita della popolazione di Cahokia.

Dalle sezioni degli alberi, si è rilevato per quegli anni un aumento delle precipitazioni medie annue accompagnato dal clima più caldo, che consentiva all’agricoltura di mais di prosperare.

Nel 1200, tuttavia, la città era già in recessione. Ancora una volta, sembra che fosse entrato in gioco un fattore climatico direttamente correlato, poiché si presume che fosse avvenuta una grave inondazione a distruggere tutto.

Cahokia fu completamente abbandonata prima del 1400, con gran parte dell’antica città ancora sepolta.

Cahokia Monks Mound

Il resto più immediatamente evidente dell’antica Cahokia vicino all’odierna St. Louis è il “Monks Mound” alto 30 metri.

Test scientifici condotti sui denti scoperti nell’area hanno indicato che la popolazione di Cahokia era un misto di tribù indigene Natchez, Pensacola, Choctaw e Ofo.

Si è anche scoperto che un terzo di loro non proveniva da Cahokia, ma da qualche altra parte.

Questo gruppo fruttuoso di nativi americani commerciava, cacciava e coltivava insieme.

Ma la cosa più impressionante è dimostrata dalla sofisticata pianificazione urbana, basata sugli allineamenti astronomici, che prevedessero un centro città, ampie piazze e tumuli fatti a mano.

Situato a poche centinaia di metri a sud del Monks Mound, con soli 3 metri di altezza, si trova il Mound 72. Questo particolare tumulo risale a un periodo compreso tra il 1050 e il 1150 e contiene i resti di 272 persone, presumibilmente sacrificate per qualche rituale.

Sembra probabile che le vittime fossero state allineate sul bordo della fossa, quindi bastonate una per una in modo che i loro corpi cadessero dentro di essa in sequenza.

Ci sono anche resti di 52 donne cahokiane tra i 18 ei 23 anni, anche queste presumibilmente sacrificate nello stesso momento. Le ragioni di questi sacrifici non sono chiare, possiamo solo trarre delle conclusioni che ci ricollegano al veloce declino di questa civiltà.

Sicuramente qualcosa stava sconvolgendo l’equilibrio. Nemici? Superstizione? Religione? Clima? Tutte le ipotesi sono sul tavolo.

In effetti, i resti di Cahokia suggeriscono che c’erano forti elementi religiosi in gioco in questa società.

I reperti archeologici tangibili sono più che sufficienti per alcuni ricercatori per sostenere fermamente le loro convinzioni che Cahokia avesse un profondo riferimento cosmologico.

Nuove prove suggeriscono che il distretto centrale di Cahokia era stato progettato per allinearsi con referenti calendari e cosmologici: il sole, la luna, la terra, l’acqua e gli inferi.

Anche l’acqua sembrava aver avuto un ruolo centrale nella vita religiosa dei Cahokiani. Si è scoperto che alcuni degli edifici erano stati “ritualmente” chiusi con del limo (ridistribuito dall’acqua) in cima. Uno di questi conteneva un bambino sepolto, che i ricercatori hanno ipotizzato fosse inteso come “offerta”.

Cahokia non durò a lungo, ma durante la sua esistenza, prosperò. Gli uomini cacciavano, raccoglievano risorse e tendevano alla costruzione necessaria mentre le donne lavoravano nei campi e nelle case, costruendo ceramiche, stuoie e tessuti. C’erano attività comuni e incontri sociali, e tutti erano in sintonia con il mondo naturale in cui abitavano.

Alla fine, ciò che restava della città erano diverse dozzine di tumuli, resti umani e un elenco di manufatti assortiti. È in gran parte sconosciuto il motivo della scomparsa di questa prosperosa civiltà. Non ci sono prove di invasioni o guerre che abbiano minacciato l’intera città.

Allora che cosa ha causato la fine di Cahokia intorno al 1350?

Alcuni suggeriscono che le risorse naturali si fossero esaurite e che forse i disordini politici o il cambiamento climatico avrebbero favorito un esodo di massa.

Vedremo gli sviluppi dalle ulteriori ricerche che continuano ad avvenire sul sito.

tuttoin1

About tuttoin1

Tuttoin1 è la risposta a tutto cio che cerchi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *