Caligola, l’Imperatore romano che successe a Tiberio

caligola
Condividi

Caligola

Caio Cesare, noto come Caligola, successe a Tiberio come imperatore romano dal 37 al 41 d.C. e adottò il nome di Gaio Cesare Germanico. 

I documenti lo descrivono come un leader crudele e imprevedibile. 

Ripristinò i processi per tradimento e mise a morte tante persone.

Cassio Cherea lo uccise nel 41 d.C. ai Giochi del Palatino, durante una congiura dei pretoriani.

Primi anni

Il leader romano Gaio Cesare Germanico nacque il 31 agosto dell’anno 12 ad Antium (ora Anzio). 

Il terzo di sei figli viventi nati da Germanico e Agrippina, Gaio proveniva dalla famiglia più illustre di Roma, la Giulio-Claudia.

Il suo bis-bisnonno era Giulio Cesare e il suo bisnonno era Augusto, mentre suo padre, Germanico, era un amato leader a pieno titolo. 

In seguito, il governo di Gaio come imperatore romano sarebbe stato modellato dalla follia e dalla lussuria.

Caio era vicino a suo padre e, all’età di 3 anni, iniziò ad accompagnare frequentemente Germanico nelle sue campagne militari. 

In linea con la tradizione, Gaio indossava un’uniforme con un piccolo paio di stivali, guadagnandosi il soprannome di “Caligola”, la parola latina per indicare “piccoli stivali”. 

Il nome rimase con lui per il resto della sua vita.

Tragedia familiare

Al momento della nascita di Gaio, il regno di Augusto stava per finire. 

La salute di Augusto stava peggiorando e, avendo bisogno di nominare un successore, nominò il suo figliastro Tiberio, un leader minaccioso e impopolare.

La sua scelta, tuttavia, era condizionata da un avvertimento: sapendo che il pubblico non sarebbe stato soddisfatto della sua decisione, costrinse Tiberio ad adottare Germanico come suo figlio e nominarlo suo erede.

Il 19 agosto dell’anno 14 d.C. Augusto morì. 

Tiberio assunse rapidamente il potere e, altrettanto rapidamente, inviò Germanico nelle province orientali di Roma per una missione diplomatica. 

Lì si ammalò e morì presto, il che invitò a gonfiarsi teorie che collegavano Tiberio alla morte del suo rivale politico.

Agrippina incolpava pubblicamente Tiberio per la morte di suo marito e desiderava vendetta. 

Tiberio reagì imprigionando Agrippina su un’isola remota, dove morì di fame.

L’imperatore poi imprigionò i suoi due figli maggiori, uno dei quali si uccise, mentre l’altro morì di fame.

A causa della sua giovane età, Caligola fu risparmiato e costretto a vivere con la sua bisnonna, Livia, la moglie di Augusto. 

Fu durante questo periodo che Caligola, che all’epoca era un adolescente, si crede che abbia commesso un incesto con sua sorella, Drusilla.

Nell’anno 31, Caligola fu convocato da Tiberio sull’isola di Capri, dove fu adottato dall’uomo che si presume fosse l’assassino di suo padre e trattato come un prigioniero viziato. 

Costretto a reprimere la sua rabbia e mostrare rispetto a Tiberio, nonostante il suo odio per lui, Caligola fu probabilmente mentalmente traumatizzato dalla situazione, secondo molti storici. 

Invece, Caligola sfogava le sue emozioni sugli altri. Si dilettava a guardare le torture e le esecuzioni e trascorreva le sue notti in orge di gola e passione.

Regno di Caligola

Nel marzo del 37 d.C. Tiberio si ammalò. 

Morì un mese dopo, e giravano voci che Caligola lo avesse soffocato. 

I romani erano felici dalla sua morte, vedendo di buon occhio Caligola, ritenendo possedesse le stesse qualità del suo stimato padre.

Il Senato romano si mise in riga, nominando il 24enne Caligola, che non aveva esperienza di governo, diplomazia o guerra, come unico imperatore di Roma.

Per un certo periodo, gli sforzi di Caligola incontrarono il loro entusiasmo. 

Liberò i cittadini che erano stati ingiustamente imprigionati da Tiberio ed eliminò una tassa impopolare. 

Organizzò eventi sontuosi, tra cui gare di bighe, incontri di boxe, spettacoli teatrali e spettacoli di gladiatori.

Tuttavia, sei mesi dopo il suo governo, Caligola si ammalò gravemente.

Per quasi un mese rimase sospeso tra la vita e la morte. Nell’ottobre del 37 d.C. si riprese, ma fu subito evidente che non era la stessa persona.

Torturato dal mal di testa, Caligola vagava per il palazzo di notte.

Inoltre, ostentava il suo potere, eliminando i suoi rivali politici e costringendo i genitori a guardare le esecuzioni dei loro figli.

La cosa più eclatante, tuttavia, fu la dichiarazione di Caligola di essere un Dio vivente, ordinando che fosse costruito un ponte tra il suo palazzo e il Tempio di Giove in modo che potesse avere consultazioni con la divinità.

Nemmeno il matrimonio e la nascita di una figlia sembrarono cambiarlo.

Morte

Roma iniziò presto a odiare il suo leader, e i cittadini iniziarono una spinta segreta per sbarazzarsi di lui.

Il 24 gennaio 41 d.C. Caligola fu attaccato da un gruppo di guardie, a seguito di un evento sportivo.

Durante l’assassinio, Caligola fu pugnalato 30 volte e ucciso.

Il suo corpo fu gettato in una fossa poco profonda e sua moglie e sua figlia furono assassinate.

La morte di Caligola spinse il Senato a ordinare immediatamente la distruzione delle sue statue nella speranza di sradicarlo dalla storia di Roma.

Tuttavia, a più di due millenni dal suo governo, l’eredità di Caligola è considerata un pezzo affascinante della storia romana.

About tuttoin1

Tuttoin1 è la risposta a tutto cio che cerchi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.