Chagall, vita e lavoro del grande artista russo

chagall
Condividi

Chagall

Marc Chagall (nome originale Moyshe Segal), venerato da Picasso e dai surrealisti, è una figura determinante nella storia dell’arte moderna.

Chagall nacque nel luglio 1887, in un’area dell’Impero russo che oggi fa parte della Bielorussia.

Suo padre trasportava barili per un mercante di aringhe.

Forse esagerava, nel suo libro di memorie La mia vita, quando paragonò il padre a uno “schiavo di galera”.

Ma il lavoro, apparentemente, era così duro che lo rese determinato a evitare un destino simile e a perseguire il suo sogno di diventare un artista.

Nel 1906, all’età di 19 anni, Chagall si trasferì a San Pietroburgo, dove frequentò la scuola d’arte.

La sua città natale diventò la principale fonte di ispirazione per i suoi dipinti in questo momento, come sarebbe stato per tutta la sua carriera, anche se trascorse la maggior parte della sua vita in luoghi lontani.

L’originalità di Chagall risiede nella sua personalissima sintesi delle influenze, che colse da tutte le parti del mondo.

Oltre all’arte popolare russa e alle icone della Chiesa ortodossa, attinse anche alla tradizione artistica ebraica, per non parlare del lavoro occidentale contemporaneo, dopo essersi trasferito a Parigi nel 1911.

La semplicità delle sue forme lo colloca nel primitivismo della pittura russa del primo Novecento.

Ma, ben presto, il colore delle sue opere supera i contorni delle forme, estendendosi sulla tela.

Così vediamo chiazze o fasce di colore, simili a quelle della corrente del Tachisme.

La tinta diventa, in questo modo, una sostanza libera e svincolata dalla forma.

Proprio nel suo periodo francese, l’artista incontrò Pablo Picasso.

È difficile che un artista elogi gratuitamente un rivale, eppure lo spagnolo diceva del russo cose splendide.

Si dilettò, quindi, dilettò con il cubismo, ma questa fu una fase di breve durata.

Infatti, trovava il cubismo troppo razionale e geometrico.

Dopo una parentesi in Costa Azzurra, Chagall tornò in Russia per vedere la sua famiglia (1914).

Aveva in programma di restare solo tre mesi, ma lo scoppio della prima guerra mondiale lo costrinse a rimandare indefinitamente il suo ritorno nell’Europa occidentale.

Nel 1917 ebbe luogo la rivoluzione bolscevica, con la quale fu solidale.

Fu nominato Commissario per l’Arte a Vitebsk, ma le differenze ideologiche portarono presto alle sue dimissioni.

Il lavoro di Chagall aveva preso una svolta sempre più fantastica a questo punto, pieno di mucche verdi e cavalli volanti, ei suoi avversari si lamentavano che questo aveva poco a che fare con Marx o Lenin.

Tornato a Parigi nel 1923, il Surrealismo era diventato il principale movimento intellettuale della città e le visioni oniriche di Chagall del decennio precedente furono salutate come rivoluzionarie.

L’artista russo fu ufficialmente invitato a unirsi al movimento, ma rifiutò.

Dal 1937 in poi, però, iniziò anche a raffigurare regolarmente la Crocifissione.

Le deportazioni naziste e le atrocità contro gli ebrei stavano diventando sempre più diffuse.

La risposta di Chagall fu quella di appropriarsi della Crocifissione dalla tradizione artistica cristiana e riconsiderare invece il suo soggetto come un simbolo del martirio ebraico.

chagall

La Francia sotto il dominio di Vichy era un luogo pericoloso per la vita degli ebrei, così Chagall e sua moglie accettarono un invito di asilo negli Stati Uniti.

Iniziò a sperimentare una serie di nuovi modelli: arazzi, ceramiche, mosaici e vetrate.

La sua commissione più famosa fu la Finestra della Pace, in celeste e blu, per l’edificio dell’attuale ONU.

Tornato in Francia, continuò a lavorare fino alla sua morte nel 1985, all’età di 97 anni.

Marc Chagall è stato l’ultimo maestro sopravvissuto del modernismo europeo.

About tuttoin1

Tuttoin1 è la risposta a tutto cio che cerchi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *