Come fare un buon vino

vino in casa
Condividi

Non sapete come fare il vino in casa? Volete che il vostro vino sia buono e apprezzato da tutti? Volete bere bene e risparmiare?

Seguite questo post e forse, con la giusta dose di fortuna, ci riuscirete.

Uva

Prima di tutto, qualora non abbiate una vigna di proprietà, dovete acquistare una buona qualità di uva.
E’ opportuno informarsi sulla qualità del vigneto, sul posto, sul tipo di impianto del vigneto, sul tipo di vitigno, ecc. Inoltre, è bene che il processo di vinificazione avvenga in un luogo areato e fresco. Quindi, è preferibile una cantina fresca e ben pulita.

Le proporzioni sono le seguenti: ogni quintale d’uva, si producono 65/70 litri di vino.

Adesso bisogna travasare l’uva in una tinozza capiente (esistono quelle espressamente per il vino), facendo attenzione a togliere i raspi (ovvero la parte che regge i singoli chicchi).

Pigiatura

Se l’operazione avviene in modo tradizionale (con i piedi) potrebbero necessitare ore; se invece si ha a disposizione un torchio, la cosa è più facile e meno lunga. Nel frattempo, si può aggiungere del metabisolfito (in quantità minima), utile per le sue proprietà antisettiche ed antiossidanti. Naturalmente si può fare a meno dei solfiti, ma bisogna essere consapevoli della possibilità di perdere il prodotto, soprattutto se dovesse prendere aria.

Fermentazione

La vinaccia, ottenuta da questa prima fase di lavorazione, si deve riporre in un recipiente sufficientemente capiente, possibilmente di acciaio inox. Il contenitore va chiuso non completamente, in modo tale che i gas prodotti durante la fermentazione possano fuoriuscire.

Follatura

Nei giorni successivi (per 5 giorni se si tratta di uva rossa, per solo 24 se si tratta di uva bianca), le bucce dovranno essere “affogate” due volte al giorno, per evitare che si ossidino (stando in al alto potrebbero alterarsi) e anche per abbassarne leggermente la temperatura (oltre i 36 gradi circa, potrebbe arrestarsi la fermentazione).

Svinatura

La svinatura, consiste nella fuoriuscita del mosto dal recipiente, mettendo da parte le bucce, anch’esse impregnate ancora di molti liquidi.

Torchiatura

Inserire tutte le bucce nella pressa. il mosto ottenuto (il liquido frutto di questa ulteriore spremitura) dovrà essere unito a quello appena svinato.

Rabocco

Tappo bollitore

La miscela ottenuta dovrà essere posta in 3 contenitori di vetro scuro da 25 litri (la classica damigiana sarebbe l’ideale), più uno da 10 litri. Come tappo dovrete usare quello apposito, dotato di valvola e tappino per la chiusura.
Grazie al suo sistema è possibile tappare la damigiana a fine fermentazione lasciando il tappino superiore aperto ma con la valvola nel suo alloggio. Questa valvola permette la fuoriuscita di anidride carbonica che si ottiene dalla fermentazione che potrebbe prolungarsi nel tempo anche dopo il rabbocco della damigiana, ma non permette l’entrata dell’aria.
Una volta che la fermentazione si sarà arrestata definitivamente, sarà possibile chiudere la damigiana con il tappino presente sulla parte superiore che andrà a chiudere quindi  l’alloggio della valvola.

Damigiana

Mettere le damigiane su di un piano rialzato. Il mosto pian piano si quieterà.

Primo travaso

Dopo circa 20 giorni (meglio se in fase di luna calante) sarà possibile effettuare il primo travaso. Travasare il vino nel recipiente in acciaio inox, sciacquare bene le damigiane, togliendo i residui, e riempirle nuovamente. Fare molta attenzione a non arrivare al fondo delle damigiane, dove si è accumulata la “feccia” (residui).

Analisi intermedia

Per vedere se, durante il travaso, il vino è in salute, basta prelevare un campione di circa mezzo litro, chiuderlo bene in una bottiglia  da 500 cl e portarlo ad analizzare. In questo modo si potrà sapere se vi sono le giuste quantità di acidi o se è necessario correggere in corso d’opera.

Colmandolo

Essendo diminuita la quantità di vino per mezzo degli scarti del primo travaso, bisogna reintegrare le damigiane con il vino del piccolo recipiente, colmandolo. Di nuovo chiudere con gli speciali tappi.

Ulteriori travasi

Dopo circa 30 giorni effettuare un nuovo travaso. Mettere tutto il vino delle damigiane nel recipiente di acciaio e poi riversarlo nelle damigiane pulite. Prima di Natale procedere con un terzo travaso, usando la stessa procedura del secondo.

Olio galleggiante

E’ necessario  proteggere il vino dall’aria. L’olio aggiunto ha proprio questa funzione. Aggiungendo dell’olio al vino, infatti, lo si terrà a riparo dalla possibile ossigenazione. L’olio, resta ben visibile a galla, può essere facilmente rimosso in fase di imbottigliamento.

Imbottigliamento

Dopo circa 10 giorni è possibile assaggiare il nuovo vino, ma è consigliato di non iniziare a berlo prima di Natale: il vino ha bisogno di maturare !!!
Per imbottigliare il vino, si potranno usare semplici tappi in plastica fermati da una capsula termorestringente. Se si preferiscono i tappi in sughero, bisogna tener presente che serve necessariamente un’imbottigliatrice manuale.
L’imbottigliamento deve essere fatto comunque dopo la primavera, perché durante questo periodo (con la temperatura che si va alzando) il vino si muove, ovvero produce anidride carbonica.

Non resta che dire PROSIT!!!

About tuttoin1

Tuttoin1 è la risposta a tutto cio che cerchi!

One thought on “Come fare un buon vino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.