Food Forest e la costruzione di una comunità consapevole

food forest
Condividi

Food Forest

Una Food Forest è in pratica una foresta commestibile o foresta alimentare.

Il recente aumento di questo tipo di progetti fa ben sperare sulla percezione e la consapevolezza della crisi ambientale dei nostri tempi.

La maggior parte della popolazione mondiale risiede ora nelle aree urbane e si prevede che questo divario aumenterà nei prossimi decenni.

Le foreste alimentari non solo possono fornire una fonte locale di cibo, ma possono anche fungere da piattaforme perfette per la costruzione di comunità in senso sociale. 

La creazione di cambiamenti ambientali e sociali positivi può iniziare nel cuore di qualsiasi città con questo tipo di implementazione.

La definizione di “Food Forest” varia a seconda che l’attenzione sia focalizzata sul concetto o sullo spazio fisico.

Concettualmente, per comprendere meglio il significato insito nel termine, bisogna considerare ogni parola: food e forest

Le foreste sono luoghi, ma le foreste diventano spazi sociali attraverso connessioni fisiche, culturali, ambientali ed emotive.

Una di queste connessioni è il cibo, che può unire le persone, ma anche altre come il dialogo, la fauna selvatica e la ricreazione sono importanti. 

Quando le persone si connettono in spazi boschivi, modellano il loro senso sociale del luogo, dei valori e dell’identità e creano comunità. 

Pertanto, i concetti di ambiente e società sono pezzi fondamentali di una foresta alimentare comunitaria, perché entrambi influenzano azioni come la pianificazione, la semina e la manutenzione che trasformano le idee in progetti reali.

Una foresta alimentare fisica sul terreno imita i modelli spaziali e funzionali di un ecosistema forestale naturale. 

La maggior parte delle persone pensa a una foresta come a una vasta area, ma da un punto di vista biologico una foresta non deve soddisfare un requisito minimo di altezza o dimensione.

Piuttosto, il termine food forest indica una comunità di piante altamente integrata che ha vari strati di piante e radici verticali e orizzontali che forniscono prodotti commestibili.

Modellare la struttura di un giovane ecosistema forestale in luoghi pubblici è l’ideale per due ragioni. 

In primo luogo, piantare più specie perenni in stretta vicinanza può produrre cibo in modo sostenibile in aree ristrette, il che può aiutare a soddisfare la crescente domanda globale di produzione nutriente. 

In secondo luogo, man mano che la vegetazione matura, può creare un ambiente simile a un parco boscoso, fornendo uno spazio naturale piacevole dove i membri della comunità possono riunirsi

Anche se la produzione di cibo in una food forest diminuisce, la foresta fornisce ancora prezioso spazio verde negli ambienti costruiti.

Perché creare una food forest?

Trovare modi per massimizzare l’uso dello spazio aperto esistente è imperativo e aumentare l’accesso al cibo attraverso la gestione sostenibile del paesaggio commestibile è un approccio importante tra i tanti che sono in corso. 

Le foreste alimentari hanno un grande potenziale in questo senso perché svolgono più funzioni su un pezzo di terra. 

Questo aspetto le rende alternative desiderabili ai tradizionali paesaggi curati del parco.

La crescita delle food forest è simile alla crescita di altri movimenti alimentari locali come i mercati degli agricoltori e i programmi di agricoltura sostenuta dalla comunità che servono le aree urbane. 

Tutti stanno sperimentando una tendenza al rialzo mentre le comunità esplorano modi per avvicinare o riportare la produzione alimentare nelle aree urbane, aumentare l’accesso ai prodotti freschi e promuovere la conoscenza della provenienza del cibo. 

L’istruzione sul tema ambientale

Uno dei risultati più potenti di una food forest è l’istruzione sul tema ambientale

Essa può essere utilizzata per aiutare le persone a conoscere l’ecologia, la produzione alimentare sostenibile, l’alfabetizzazione alimentare e l’impegno in iniziative comunitarie, nonché per introdurle a pratiche culturali come il foraggiamento, la spigolatura e la coltivazione di piante perenni.

Può anche essere un luogo di apprendimento sociale in cui le persone si incontrano e si prendono cura l’una dell’altra, costruiscono le basi per un’economia condivisa, creano abbondanza nella loro comunità e trovano modi attuabili per prendere parte alla formazione di una società resiliente.

L’alfabetizzazione alimentare

Questa è una lezione chiave delle foreste alimentari comunitarie. 

Le foreste alimentari comunitarie introducono le persone a un’ampia varietà di piante da produzione alimentare e migliorano la loro capacità di identificarle e raccoglierle. 

Nel tempo, questo può cambiare la percezione delle fonti di cibo accettabili e desiderabili in una comunità.

In una Food Forest le persone spesso provano frutta e noci di cui erano completamente all’oscuro, come i papaveri, il sambuco, l’aronia e le nocciole.

Sebbene questa nuova consapevolezza possa sembrare piccola o insignificante, è la prova del cambiamento.

Man mano che queste foreste si evolvono, è probabile che gli obiettivi più ampi e duraturi sposati da molte iniziative prendano piede.

Le Food Forest affrontano la giustizia ambientale quando viene utilizzato un processo di pianificazione partecipativa che coinvolge tutti i membri nella progettazione del sito e nelle attività sociali, che definiscono come il suolo pubblico dovrebbe essere utilizzato per servire la propria comunità.

Forniscono un ambiente naturale per il godimento personale e comunitario in modi definiti da coloro che li usano.

Quando progettati pensando agli spazi pubblici, contribuiscono all’estetica del quartiere fornendo spazi verdi e aree ombreggiate in cui rilassarsi e dedicarsi ad attività ricreative come il giardinaggio o le passeggiate.

Inoltre, forniscono servizi e benefici ambientali come la gestione delle acque piovane, habitat di biodiversità (soprattutto per uccelli, impollinatori e altra piccola fauna) e suolo sano.

Le Food Forest contribuiscono alla resilienza civica e ambientale quando le banche dei semi vengono pianificate nel loro scopo e gli alberi vengono selezionati per preservare il materiale genetico per la propagazione vegetativa. 

I siti possono essere biblioteche di semi e materiale di propagazione adatti alla regione e adattati al clima per famiglie, fattorie e agricoltori locali. 

In questo modo si può migliorare la salute dell’ecosistema, ma è importante considerare attentamente quali obiettivi ambientali sono realistici da perseguire, altrimenti si resta da soli alle prime difficoltà.

Se volete provarci, la food forest potrebbe essere una grande sfida da cogliere.

Di seguito il link della prima food forest in Italia, la foresta commestibile.

tuttoin1

About tuttoin1

Tuttoin1 è la risposta a tutto cio che cerchi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *