Giacomo Leopardi, la figura più significativa del Romanticismo

giacomo leopardi
Condividi

Giacomo Leopardi

Ricordato per il suo atteggiamento intensamente pessimista nei confronti della condizione e della vita umana, Giacomo Leopardi fu una figura significativa del Romanticismo italiano. 

I suoi talenti (non limitati a un singolo dominio) lo associavano a diversi campi dell’arte. 

Giacomo Leopardi era un notevole poeta, filosofo, studioso, saggista e filologo. 

Sebbene Leopardi non ottenne la fama che meritava durante la sua vita, fu in seguito dichiarato il più grande poeta italiano del diciannovesimo secolo. 

Il quaderno a sette volumi di Leopardi, Zibaldone, è considerato il migliore ed è anche il più apprezzato delle sue opere.

Giacomo nacque il 29 giugno 1798 a Recanati, un piccolo paese della provincia di Macerata.

Era il figlio del conte Monaldo Leopardi, l’ultimo aristocratico in Italia a indossare una spada. 

Il conte Monaldo aveva interesse per la filosofia, la politica e la letteratura e possedeva una biblioteca personale con libri su questi argomenti. 

Era desideroso di fornire a suo figlio il meglio dell’istruzione e di trasformarlo in uno studioso classico. 

È per questo motivo che Leopardi studiò con costosi tutor privati ​​ed fu un esperto in latino, greco ed ebraico, inglese, francese e spagnolo. 

Giacomo condusse un’infanzia molto isolata e noiosa. Mentre la sua famiglia era estremamente religiosa, le opinioni liberali di Leopardi li preoccupavano. 

A causa dell’ampia lettura e della scrittura, sviluppò una deformità nella sua colonna vertebrale e la sua vista si deteriorò a tal punto che perse l’utilizzo di uno dei suoi occhi.

Leopardi odiava Recanati e fece diversi tentativi senza successo di lasciare il paese. 

Nel 1822, Leopardi ebbe la possibilità di fuggire a Roma, ma fu un’enorme delusione poiché non riuscì a trovare un lavoro adatto a causa delle sue disabilità fisiche. 

Giacomo tornò a casa e in seguito viaggiò per l’Italia. 

L’amore lo colpì a Firenze e questa relazione infruttuosa diede alla luce alcune delle sue poesie più colpite dal dolore. 

Per tutta la vita, Leopardi lottò per sostenersi finanziariamente attraverso la scrittura, ma la povertà lo costrinse a dipendere dagli aiuti dei suoi amici. 

Le sofferenze della vita di Giacomo includevano un cuore spezzato, depressione e salute in declino. Morì di un’insufficienza cardiaca nel 1837.

Nei suoi primi anni di scrittura, Leopardi lavorò alle traduzioni. 

Tradusse testi di opere classiche come Orazio e sezioni dell’Eneide e dell’Odissea. 

Nel 1813, all’età di 15 anni, Leopardi scrisse il suo primo pezzo originale intitolato Storia della astronomia

Due anni dopo arrivò il Saggio sopra gli errori popolari degli antichi.

Dal 1816 in poi Leopardi spostò la sua concentrazione verso la scrittura creativa. 

Le sue poesie All’Italia e Sopra il monumento di Dante trassero ispirazione dalla visita di un amico in Italia nel 1818.

L’Infinito, Alla luna e Alla Primavera, o delle Favole antiche sono alcune delle sue poesie più amate scritte dopo il 1819.

L’anno 1824 portò la prima raccolta di poesie di Leopardi,

Il più leggendario scritto di varia filosofia e di bella letteratura di Leopardi fu lo Zibaldone, un quaderno basato su sette volumi, scritto nel 1817 e in alcuni anni 1830, ma pubblicato nel 1898-1900. 

Questa brillante opera rappresenta il volto filosofico di Leopardi. 

Riflette anche la sua visione tremendamente pessimistica della vita.

tuttoin1

About tuttoin1

Tuttoin1 è la risposta a tutto cio che cerchi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *