Impressionismo: una semplice guida per ragazzi

impressionismo
Condividi

Impressionismo

L’impressionismo è uno stile di pittura che si concentra sull’effetto della luce su paesaggi e oggetti.

I pittori impressionisti dipingevano spesso all’aperto per cercare di comprendere gli effetti della luce solare su oggetti diversi e per trovare nuovi modi per mostrare la luce nei loro dipinti.

Molti dei loro dipinti hanno pennellate brevi e spezzate che risultano evidenti allo spettatore, piuttosto che pennellate lisce e impercettibili come la maggior parte dei primi dipinti. Non usavano ritocchi, ma in colori densi di materia, per creare maggiormente l’idea o (per essere precisi) l’impressione di un soggetto.

Cenni storici dell’impressionismo

L’impressionismo iniziò a Parigi, in Francia, alla fine del 1800. Prima degli impressionisti, la maggior parte dell’arte era ristretta alla pittura accademica e neoclassica, che seguiva regole rigide.

In questo momento, c’era solo una mostra ufficiale di dipinti a Parigi, conosciuta come Salon. Una giuria decideva quali dipinti potevano essere mostrati e quali no. Questi rifiutavano a prescindere tutti gli artisti che non si adattavano alle loro idee artistiche.

Quando gli impressionisti iniziarono a dipingere nel loro nuovo stile, i giudici del Salone si rifiutarono di accettare la maggior parte delle loro opere.

Determinati a non arrendersi, gli impressionisti organizzarono una propria mostra indipendente. Ciò ebbe un enorme impatto sull’arte francese, poiché, all’improvviso, agli artisti fu data l’opportunità di dipingere ciò che volevano, non ciò che il Salone diceva fosse buono o cattivo.

L’impressionismo, perciò, cambiò l’arte nel 19° e 20° secolo rompendo le regole della pittura normale. Dimostrarono che la pittura non doveva essere per forza realistica e perfetta, ma poteva essere dipinta in maniera estemporanea, all’aperto e alla luce naturale, con decise pennellate e colori vivaci.

Cosa dipingevano gli impressionisti?

Caratteristica della pittura impressionista è lo studio della luce e il modo in cui questa cambiava le ombre ei colori dei soggetti. Ad esempio, Claude Monet dipingeva spesso in serie, realizzando molte immagini dello stesso soggetto in diversi momenti della giornata e in diverse stagioni per vedere come l’illuminazione influiva sui suoi dipinti. 

Gli impressionisti si concentravano sulla vita ordinaria nei loro dipinti, mentre il mondo accademico preferiva paesaggi immaginari.
Amavano dipingere ciò che vedevano intorno a loro.

Questi nuovi artisti cercavano di catturare un singolo momento nel tempo: una domenica pomeriggio a Parigi, i macellai che lavorano in un mercato o la luce su una fila di alberi.

Osservavano attentamente gli effetti della luce e del tempo. Lo stile rapido e abbozzato dei loro dipinti risultava fondamentale per scattare un’istantanea di queste scene.

Impressionisti famosi

Oltre al già citato Calude Monet, troviamo nella topo 10 Edouard Manet, Pierre Auguste Renoir, Gustave Caillebotte, Berthe Morisot, Camille Pissarro, Marie Bracquemond, Edgar Degas, Mary Cassatt e Frédéric Bazille. Fuori categoria è Vincent Van Gogh, che con la sua arte è stato trasversale ad ogni genere pittorico pur risultando essere il più celebre pittore impressionista di sempre.

About tuttoin1

Tuttoin1 è la risposta a tutto cio che cerchi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.