Italo Svevo, il romanziere famoso per “La coscienza di Zeno”

italo svevo
Condividi

Italo Svevo

L’etichetta di “padre del romanzo italiano moderno” si può attribuire sicuramente ad Italo Svevo.

Questi fu romanziere, drammaturgo, scrittore di racconti, saggista, critico e uomo d’affari.

Era nato in una famiglia ebrea benestante (suo padre era di origine tedesca) a Trieste il 19 dicembre 1861.

Studiò all’Istituto di Bruxelles in Germania, sviluppando un interesse particolare per la letteratura e per i classici russi.

Quando suo padre subì un fallimento nel 1880, Italo fu costretto ad assumersi la responsabilità e iniziò a lavorare come impiegato presso la Viennese Union Bank, abbandonando gli studi.

La routine ventennale di lavoro in banca e una vita ordinaria divennero l’ispirazione per il suo romanzo d’esordio, Una vita (1893).

Dopo la morte dei suoi genitori nel 1898, Svevo sposò la cugina Livia Veneziani e si unì all’attività di famiglia di produzione di pitture marine.

Lavorò sodo, viaggiò molto e alla fine assunse la direzione e l’amministrazione dell’azienda, dopo la scomparsa di suo suocero.

Italo si dimostrò un uomo d’affari di successo e produsse lui stesso il suo primo romanzo (Una vita) ancora non pubblicato.

Tuttavia, il romanzo non ottenne molti riconoscimenti.

Sfortunatamente, anche il suo secondo tentativo di scrittura, Senilità (1898), non andò bene.

Per quasi venticinque anni, a causa di queste delusioni, Svevo non pubblicò più nulla.

La grandezza letteraria di Svevo fu riconosciuta per la prima volta quando incontrò lo scrittore James Joyce.

Joyce mostrò ammirazione per Senilità di Svevo e contribuì a pubblicarlo in lingua inglese, con il titolo “As a man grows older”. L’alleanza di Svevo con Joyce divenne un’amicizia per tutta la vita.

Il terzo tentativo di Italo di scrivere romanzi, “La coscienza di Zeno” (1923), si rivelò un successo.

Anche questo era inizialmente passato inosservato alla critica e al lettore, ma, su raccomandazione di Joyce, fu tradotto in francese, e ricevette immensi elogi a Parigi.

Anche i critici in Italia, così, iniziarono a notare il romanzo dopo la sua crescente popolarità in Francia.

Il personaggio centrale del romanzo, Zeno Cosini, era quasi un’immagine speculare dello stesso Svevo, un uomo d’affari ispirato alla teoria freudiana che sta scrivendo un’autobiografia per aiutare il suo medico a trovare l’origine del suo vizio per il fumo.

Alcuni degli apprezzabili lavori di Svevo includono raccolte di racconti brevi: “La novella del buon vecchio e della bella fanciulla” (1929), “Corto viaggio sentimentale” (1949) e altri racconti inediti.

Purtroppo, Italo non visse abbastanza per assistere alla pubblicazione di queste raccolte.

Italo Svevo trascorse gli ultimi anni della sua esistenza tenendo conferenze sul proprio lavoro e scrivendo continuamente.

Morì il 13 settembre 1928, pochi giorni dopo aver avuto un incidente stradale che gli indebolì il cuore già sofferente.

Oggi una statua di Italo Svevo svetta alta in piazza Hortis, di fronte al museo nazionale di storia naturale di Trieste.

tuttoin1

About tuttoin1

Tuttoin1 è la risposta a tutto cio che cerchi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *