Metonimia, relazione di attinenza logica tra due termini

metonimia
Condividi

Metonimia

La metonimia è una importante figura retorica (derivante dai termini greci meta “attraverso” e ónoma “nome”) che si riferisce all’avvicendamento di un termine con un altro, in base ad una relazione di attinenza logica.

La metonimia è molto utilizzata linguaggio comune.

Molto simile alla metafora e alla sineddoche, la metonimia si costruisce sulla relazione tra due termini.

Questo rapporto può essere (vedi anche gli esempi per ogni forma):

  • causa-effetto (“Devi guadagnarti da vivere col sudore della fronte” per dire che ci si guadagna lo stipendio col lavoro)
  • contenitore-contenuto (“Voglio bere un ultimo bicchiere e poi vengo” quando in realtà non ci si riferisce al contenitore, ma al contenuto del bicchiere)
  • autore-opera (“Mi piace molto leggere Dante Alighieri” invece di dire nello specifico che si ama leggere le opere di Dante Alighieri)
  • materia-oggetto (“Il padre della sposa possedeva monili d’oro” per dire che possedeva molti ori)
  • luogo-abitante (“Ho letto la nota del Quirinale” riferita naturalmente al fatto che si è letta la nota del Presidente della Repubblica)
  • concreto-astratto o il contrario (“L’importante è che onoriate la maglia” indicando con maglia l’onore della squadra).
  • mezzo-persona (“Ho parlato con il fagotto dell’orchestra” volendo dire di aver parlato con chi suona il fagotto nell’orchestra)
tuttoin1

About tuttoin1

Tuttoin1 è la risposta a tutto cio che cerchi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *