Orwell, lo scrittore dallo stile unico e senza tempo

orwell
Condividi

Orwell

George Orwell, particolarmente noto come romanziere, era un avido seguace della politica avversa al totalitarismo attraverso le sue opere più famose “La fattoria degli animali” e “1984”.

Questi due romanzi sono i principali contributi alla stimata reputazione di Orwell come scrittore eccezionale.

Tuttavia, nel corso della sua carriera, è stato riconosciuto per il suo notevole giornalismo e per i saggi che ancora sembrano attuali.

Le famose sei brillanti regole per gli scrittori di George Orwell sono utilizzate ancora oggi come chiave di base per una scrittura migliore da parte di scrittori di tutto il mondo.

La vita

Nato il 25 giugno 1903, Eric Arthur Blair (che in seguito decise di George Orwell come suo pseudonimo) era il secondo figlio dei genitori britannici Richard Walmesly Blair e Ida Mabel Limonzin.

A quel tempo risiedevano nel Bengala indiano dove il padre era un impiegato dei servizi civili britannici.

Orwell era uno studente eccezionale, avendo frequentato con borse di studio rinomate istituzioni educative come la St Cyprian’s School, il Wellington College e l’Eton College.

Quando non ottenne una borsa di studio per continuare gli studi, si unì all’esercito imperiale indiano in Birmania.

Si dimise, però, pochi anni dopo con immenso odio per l’imperialismo.

Le sue esperienze in Birmania furono tradotte in scrittura nel suo primo romanzo, “Giorni in Birmania” e in saggi come “L’uccisione di un elefante”.

Più tardi Orwell si offrì volontario per combattere nella guerra civile spagnola per i repubblicani dove fu colpito al collo e dovette fuggire per salvarsi la vita.

Durante la seconda guerra mondiale, fino al 1940, scrisse recensioni di libri sul New English Weekly per guadagnarsi da vivere.

Lavorò anche per la BBC Eastern Service.

Altri lavori di Orwell

Durante gli anni ’30, i romanzi pubblicati da Orwell furono “La figlia del reverendo” (1935), “Fiorirà l’aspidistra” (1936) e “Una boccata d’aria” (1939).

Scrisse anche un penetrante documentario “La strada di Wigan Pier” (1937), che parla della vita dei poveri minatori nel Lancashire.

Conclusioni

I suoi saggi e il suo lavoro giornalistico sono la prova del suo profondo interesse e comprensione della politica della sua epoca.

La scrittura di George Orwell non cerca di intrattenere il lettore a tutti i costi.

Piuttosto, cattura l’attenzione del suo pubblico con il modo garbato e cordiale delle sue parole.

Orwell ha sottolineato la semplicità, la creatività e l’innovazione nella scrittura, la sua unicità è il suo stile lucido.

Dopo tre anni di traversie negli ospedali, la tubercolosi lo portò via il 21 gennaio 1950.

About tuttoin1

Tuttoin1 è la risposta a tutto cio che cerchi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.