Oscar Wilde, il padre de “Il ritratto di Dorian Gray”

oscar wilde
Condividi

Oscar Wilde

Oscar Wilde fu uno scrittore e poeta irlandese del periodo vittoriano, oltre che famoso esponente del decadentismo e dell’estetismo.

La sua opera più conosciuta è indubbiamente “Il ritratto di Dorian Gray” (1891), un romanzo oscuro e sardonico che all’epoca fu oggetto di molte controversie.

Wilde raggiunse in quegli anni un’immensa fama a Londra come drammaturgo. 

La sua arguzia, le sue opere teatrali e gli eventi tragici a lui legati, contribuiscono tutti alla popolarità di questa personalità letteraria.

La vita e le opere di Oscar Wilde

Oscar Fingal O’Flahertie Wills Wilde nacque da intellettuali di successo di Dublino, Sir William Wilde e Jane Francesca Wilde, il 16 ottobre 1854 al 21 Westland Row, Dublino. 

Nominato cavaliere nel 1864, il padre di Oscar era un illustre chirurgo oftalmologico e filantropo che scrisse molti libri. 

Jane Wilde d’altra parte era una nazionalista irlandese oltre che una poetessa. 

L’influenza dei suoi genitori formò il giovane Oscar, donandogli un’intellettualità senza pari rispetto ad altri bambini della sua età. 

Wilde studiò inizialmente a casa, dopo di che ha frequentò la Portora Royal School di Enniskillen, nella contea di Fermanagh.

Nel 1871, Wilde ottenne una borsa di studio al Trinity College di Dublino dove condivise le stanze con suo fratello Willie Wilde e studiò classici. 

Mentre era al Trinity, Wilde sviluppò un interesse per la letteratura greca e divenne anche un membro attivo della University Philosophical Society. 

Come studente brillante, Wilde superò la sua classe nel primo anno e vinse anche una borsa di studio nel secondo passando a vincere la Berkeley Gold Medal, il più alto riconoscimento dell’università nel suo ultimo anno.

Nel 1874, Wilde entrò nel Magdalen College di Oxford per studiare Greats.

Vi rimase nel 1878. Durante i suoi anni al Magdalen College, Wilde fu profondamente coinvolto nei movimenti estetici e decadenti.

Anche qui Wilde eccelleva negli studi, vincendo numerosi premi tra cui il Newdigate Prize di Oxford per la sua poesia, Ravenna (1878).

Dopo aver completato la sua educazione, Wilde si stabilì a Londra dove continuò a scrivere poesie e pubblicò la prima raccolta nel 1881.

Sempre nel 1881, Wilde partì per un tour in America e Canada per tenere conferenze sull’estetismo. 

Wilde sposò Constance Mary Lloyd nel 1884. La coppia ebbe due figli che chiamarono, Cyril e Vyvyan.

Wilde, nel 1891 incontrò Lord Alfred Douglas, un poeta inglese, del quale si invaghì divenendone l’amante segreto. 

Al culmine della sua carriera, quando il capolavoro di Wilde (L’importanza di chiamarsi Ernesto) era in scena a Londra, Wilde sporse denuncia contro il padre di Douglas, il marchese di Queensberry per diffamazione.

Tuttavia, con il procedere del processo, Wilde fu costretto a ritirare le sue accuse, dopodiché fu arrestato e processato per grave indecenza con altri uomini. 

Wilde fu, quindi, condannato e imprigionato per due anni.

Durante il suo periodo in prigione Wilde scrisse in modo eccessivo producendo alcuni dei suoi più grandi saggi e lettere.

Dopo il suo rilascio dalla prigione, Wilde adottò il nome di Sebastian Melmoth e andò a Parigi dove si riunì con il suo amante, Robert Baldwin “Robbie” Ross, un giornalista canadese. 

Con Ross al suo fianco, Oscar Wilde morì il 30 novembre 1900 per meningite. 

Wilde fu sepolto nel cimitero di Père Lachaise a Parigi.

tuttoin1

About tuttoin1

Tuttoin1 è la risposta a tutto cio che cerchi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *