Pericle: la democrazia e l’età d’oro di Atene

pericle
Condividi

Pericle

Pericle è senza dubbio l’uomo politico per eccellenza, l’illuminato che riesce con la sua cultura a dare onore a quella parola oggi tanto abusata, ovvero la “democrazia”

Inizi

Pericle era cresciuto nell’antica città-stato greca di Atene.

La sua famiglia era ricca e suo padre, Santippo, era un generale popolare.

Grazie alla ricchezza della sua famiglia, Pericle aveva alcuni dei migliori insegnanti di Atene.

Amava imparare e studiava materie come musica, politica, etica e filosofia.

Pericle era cresciuto durante il periodo delle guerre persiane.

Quando aveva circa tre anni, Atene affrontò il primo grande assalto dei persiani, ma vinse una vittoria decisiva nella battaglia di Maratona.

Dieci anni dopo, Atene affrontò nuovamente i persiani.

Questa volta andò peggio, fuggirono dalla città e i persiani distrussero gran parte di Atene.

Tuttavia, sconfissero i persiani nella battaglia di Salamina e Pericle fu in grado di tornare a casa.

Animo da mecenate

Quando Pericle divenne giovane, usò la sua ricchezza per sostenere le arti.

Una delle prime cose che fece, fu sponsorizzare il drammaturgo Eschilo e la sua commedia “I Persiani”.

Lo spettacolo raccontava la storia di Atene che sconfisse i persiani nella battaglia di Salamina.

Fu un grande successo e questa cosa aiutò il giovane mecenate a diventare una figura popolare ad Atene.

Carriera iniziale di Pericle

A quei tempi, Atene era governata dal potente consiglio dell’Areopago, tutta espressione del ceto aristocratico.

Insieme ai suoi alleati, Pericle contribuì a spogliare questi uomini del loro potere.

Fu un punto importante e determinante nella storia della democrazia.

Pericle divenne ancora più popolare tra gli ateniesi e si trasferì in prima linea nella politica della città.

Spedizioni militari

L’illuminato politico divenne ben presto un generale (strategos) dell’esercito ateniese.

Condusse diverse campagne militari di successo e aiutò a prendere il controllo della città di Delfi dagli Spartani.

Conquistò anche la penisola tracia di Gallipoli e fondò nella zona una colonia ateniese.

Politica e diritto

Pericle, come detto, lavorò anche alla riforma della democrazia ateniese.

Introdusse nuove leggi e idee.

Una di queste leggi prevedeva che le persone che facevano parte di una giuria fossero pagate.

Può sembrare una cosa banale, ma permise ai poveri di far parte del processo delicatissimo della giustizia. 

Visione programmatica di Pericle

Pericle è forse il più famoso per i suoi grandi progetti di costruzione.

Voleva che Atene fosse leader del mondo greco e voleva costruire un’acropoli che rappresentasse la gloria della città.

Ricostruì molti templi sull’acropoli che furono distrutti dai persiani.

Fece costruire anche le Lunghe Mura da Atene alla città portuale del Pireo per proteggere la città in caso di assedio.

Il suo progetto di costruzione più famoso fu il Partenone sull’acropoli.

Questa magnifica struttura era un tempio della dea Atena.

Fu costruito tra gli anni 447 a.C. e 438 a.C. e servirono oltre 20mila tonnellate di marmo.

Età d’oro di Atene

La guida di Pericle ha inaugurato un periodo che è chiamato l’età dell’oro di Atene.

Non solo molti dei famosi edifici furono costruiti durante questo periodo, le arti e l’istruzione fiorirono sotto la sua guida.

Ciò includeva gli insegnamenti di grandi filosofi come Socrate e le produzioni teatrali di drammaturghi come Sofocle.

Guerra con Sparta

Mentre Atene continuava a crescere in ricchezza e potere sotto la guida di Pericle, altre città-stato greche iniziarono a preoccuparsi.

Pensavano che Atene stesse diventando troppo potente.

Nel 431 a.C. iniziò la guerra del Peloponneso tra Sparta e Atene.

Non molto tempo dopo l’inizio della guerra del Peloponneso, Pericle tenne un famoso discorso chiamato Orazione funebre.

Era in onore dei soldati che erano già morti.

Nel discorso Pericle descrisse gli ideali ateniesi e la democrazia.

Il discorso è stato ricostruito dagli storici, tenendo conto anche del modo in cui la gente di Atene pensava.

L’idea di Pericle contro Sparta era di combatterli in mare e non a terra.

Sparta aveva un esercito più forte, ma Atene aveva la migliore forza marittima.

Il popolo di Atene si radunò in città.

Avevano le mura che arrivavano fino al porto, il che consentiva loro di ottenere rifornimenti.

Questa strategia avrebbe senza dubbio funzionato, se non fosse arrivata una pestilenza a colpire Atene.

Migliaia di persone morirono e, nel 429 a.C., morì di peste anche Pericle.

Atene, alla fine, avrebbe perso la guerra e non avrebbe mai più raggiunto le stesse altezze.


tuttoin1

About tuttoin1

Tuttoin1 è la risposta a tutto cio che cerchi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *