Punteggiatura, l’importanza e l’uso appropriato nelle lingue

punteggiatura
Condividi

Punteggiatura

L’origine della punteggiatura risiede nella retorica classica. 

Quando gli oratori preparavano discorsi nell’antica Roma e in Grecia, venivano usati simboli per indicare dove e per quanto tempo un oratore doveva fermarsi. 

Tuttavia, nella modernità si è evoluta oltre l’uso della sola lingua parlata e anche gli usi di vari segni di interpunzione presentano evoluzioni.

Nella retorica classica, come detto, la punteggiatura era usata per indicare punti e tempi di pausa durante un dato discorso. 

La durata della pausa per determinati segni di interpunzione variava e l’elenco in ordine dal più breve al più lungo è come tale: una virgola, due punti e un punto. 

A parte la retorica, l’origine della punteggiatura può essere attribuita al dramma, poiché questo sviluppo viene spesso legato al famoso drammaturgo greco Aristofane. 

Sia nella retorica che nel dramma, questi segni erano un aiuto per leggere ad alta voce, ancor di più che per la scrittura. 

In effetti, la punteggiatura spesso non veniva inclusa dallo scrittore, ma lasciata alla discrezione del lettore. 

Anche se quella moderna è stata più o meno standardizzata tra le varie lingue in tutto il 20° secolo, molte di esse hanno anche mantenuto la loro vecchia punteggiatura tradizionale.

Inizialmente, tutti i sistemi di scrittura erano privi di separazione tra le parole, forse perché per sua natura non richiede necessariamente la punteggiatura. 

I Greci furono i primi ad utilizzare segni di punteggiatura, intorno al 5 ° secolo a. C. 

Successivamente, i Romani (già dal 1 ° secolo a.C.) utilizzavano simboli per indicare le pause nei testi e nei discorsi. 

In seguito, anche altre lingue hanno continuato a sviluppare le proprie forme di punteggiatura.

La diffusione dell’interpunzione nel mondo occidentale avvenne con la produzione di massa della Bibbia durante il Medioevo, quando i copisti iniziarono a includere segni per aiutare nella lettura ad alta voce. 

Successivamente, con l’invenzione del carattere mobile, venne introdotto un sistema standard di interpunzione. 

L’uso della punteggiatura è stato ulteriormente perfezionato con lo sviluppo della macchina da scrivere. 

Le persone iniziarono a usarla con più parsimonia per amore della frugalità, poiché le macchine da scrivere funzionavano con costosi nastri in pellicola di carbonio e i segni d’interpunzione richiedevano la stessa lunghezza di nastro di una normale lettera.

Come accennato in precedenza, le maggiori lingue hanno mantenuto la propria punteggiatura anche in epoca moderna.

Nel dettaglio

VIRGOLA: la virgola indica una breve pausa nella frase.

PUNTO: il punto segna la fine di una frase e, per tale finalità, rappresenta una pausa ampiamente più lunga della virgola.

DUE PUNTI: i due punti hanno la funzione di elencare o presentare qualcosa.

PUNTO E VIRGOLA: il punto e virgola è usato per segnare una pausa più lunga di una virgola, ma più breve di un punto.

PUNTI DI SOSPENSIONE: i puntini di sospensione devono essere esclusivamente tre e non di più. Essi annunciano una pausa abbastanza lunga, maggiore di un punto.

PUNTO INTERROGATIVO: il punto interrogativo pone una domanda ed ha la stessa pausa di un punto.

PUNTO ESCLAMATIVO: il punto esclamativo enfatizza e rende più forte una affermazione. Anch’esso ha la durata di un punto.

VIRGOLETTE: le virgolette sono segni di interpunzione senza durata che si usano all’inizio e alla fine di una citazione o di un discorso in prima persona.

PARENTESI: le parentesi tonde (la quadra e la graffa sono utilizzate in altri campi) hanno il compito di isolare una parola o un gruppo di parole in una frase. Possono servire anche per per aggiungere una frase che potrebbe essere tranquillamente eliminata dal testo, senza conseguenza per il senso stesso.

TRATTINI: i trattini possono avere lo stesso ruolo della parentesi, oppure possono essere utilizzati in un dialogo o un discorso diretto (all’inizio e alla fine del parlato).

tuttoin1

About tuttoin1

Tuttoin1 è la risposta a tutto cio che cerchi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *